Per offrirti una migliore esperienza di navigazione, questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. Per saperne di più e per modificare le tue preferenze, consulta la nostra cookie policy

CRITICA DELLA STORIA

Quaderni di studi storici

CHARLES DE GAULLE

de Gaulle

Gli ufficiali che da numerosi anni sono alla testa dell'esercito fran¬cese, hanno formato un governo. Questo governo, adducendo la scon¬fitta del nostro esercito ha preso contatto con il nemico per cessare i combattimenti.
Certo, siamo stati, e siamo, schiacciati dalle forze meccanizzate, ter¬restri e aeree del nemico. Più del loro numero, sono i carri, gli aerei, la strategia dei tedeschi che ci fanno indietreggiare. Sono i carri, gli aerei, la tattica dei tedeschi che hanno portato l'elemento sorpresa e spinto i nostri capi al punto da condurli là dove essi oggi si trovano.
Ma l'ultima parola è stata detta? Dobbiamo abbandonare ogni spe¬ranza? La nostra sconfìtta è defìnitiva e irrevocabile? No!
Parlando con cognizione di causa, vi prego di credere che nulla è perduto per la Francia. Gli stessi mezzi che ci hanno sconfìtto possono portarci un giorno alla vittoria.
Perché la Francia non è sola! Non è isolata. Ha dietro di se un gran¬de impero. Può far blocco con l'Impero britannico che controlla il mare e continua la lotta. Può, come l'Inghilterra, utilizzare senza limiti l'im¬mensa capacità industriale degli Stati Uniti.
Questa guerra non è limitata allo sfortunato territorio del nostro Paese. Questa guerra non è decisa dalla battaglia di Francia. Questa guerra è una guerra mondiale. Sono stati commessi errori, ci sono stati ritardi e indicibili sofferenze, ma ciò non impedisce la possibilità di far ricorso a tutti i mezzi al mondo necessari a schiacciare un giorno i nostri nemici. Folgorati oggi dalla forza meccanica noi potremo vince¬re nell'avvenire grazie a una forza meccanica superiore. Il destino del mondo è là.
lo, generale de Gaulle, attualmente a Londra, chiamo a raccolta gli uffìciali e i soldati francesi che si trovano in territorio britannico o che vi si troveranno in futuro, con le loro armi o anche disarmati, io invi¬to gli ingegneri e gli specialisti delle industrie d'armamenti che si tro¬vano in territorio britannico, o che vi si troveranno in futuro, a metter¬sI In contatto con me.
Qualunque cosa accada, la fìamma della resistenza francese non de¬ve morire e non morirà.

( Discorso radiofonico per la creazione dell'esercito)

TwitterLinkedin
Our website is protected by DMC Firewall!